Faraona có la peveràda.

FaraonaVuotare la faraona delle interiora e passarla alla fiamma, quindi prepararla distribuendo, sia dentro che fuori, sale, pepe, alcune foglie di salvia, qualche rametto di rosmarino e delle fettine di pancetta “de casàda”, legando assieme il tutto.

Rosolare quindi la faraona in una teglia di terracotta con un po’ d’olio di oliva e qualche fettina di lardo, bagnandola, di tanto in tanto, con “sgnàpa de bàr” e verdiso, rigirando più volte la carne perché l’alcol possa evaporare. Passare poi la faraona in forno, lasciandola fino a cottura ultimata.

Nel frattempo, preparare la salsa peveràda, facendo un soffritto di cipolla ben rosolato, aggiungendo dei pezzetti di pancetta e di soprèssa ed alcuni fegatini di pollo.

Rosolare quindi il tutto, bagnandolo con grappa e verdiso, mettendo qualche fettina di scorza di limone, il succo dello stesso ed una spruzzatina di aceto.

Prima di servire in tavola, cospargere di pepe nero.

Leave a comment