La costruzione del castello e i secoli del patriarcato.

Posto in posizione strategica al confine occidentale del Friuli, il castello di Caneva viene edificato verso l’anno 1000 d.C., con la nascita del borgo: i primi documenti in merito attestano che nel 1034 venne concesso dall’imperatore Corrado II al Patriarca di Aquileia, Popone. Da allora fino 1419, quindi, Caneva e tutto il suo territorio entrano nell’orbita del Patriarcato condividendone anche le numerose vicissitudini.

A causa della sua particolare posizione “cardine” della difesa dei confini occidentali della “Piccola Patria”, Caneva viene sottoposta alla costante pressione dei trevigiani e dei loro alleati. Saccheggi, uccisioni e devastazioni diventano quotidiani per la popolazione (i più gravi nel 1177, 1220 e 1335). La Caneva patriarcale è, comunque, uno dei pochi “liberi comuni” che al parlamento friulano inviano un rappresentante eletto direttamente dal Consiglio della Comunità, a differenza di molte altre realtà, che vengono rappresentate da un nobile o da un prelato.

Altra prerogativa di Caneva, che bene illustra il ruolo storico del Castello, è quella relativa alla custodia delle tre più importanti “fiere libere” della zona: quella di Santa Croce o del Rovere (14 settembre), riservata agli animali di grossa taglia; quella di San Martino (11 novembre), nella quale si commerciano i prodotti della terra; e quella, ben più famosa, di San Lorenzo (10 agosto), ora nota come la “Fiera dei Osèi” di Sacile, che ospita piccoli volatili ed animali da cortile.

Prenota la tua visita al castello.

Leave a comment